No diffamazione.

La nuova legge sulla diffamazione è sbagliata.

Articolo 21: #nodiffamazione La nuova legge è sbagliata (leggi il testo e i nomi dei firmatari)

articolo21_nastronero

#nodiffamazione La nuova legge è sbagliata (leggi il testo e i nomi dei firmatari)

Doveva essere una riforma della legge sulla stampa che eliminando la pena del carcere per i giornalisti, liberava l’informazione dal rischio di sanzioni sproporzionate, a tutela dei diritti fondamentali di cronaca e di critica: il testo licenziato al Senato rischia di ottenere l’effetto opposto, rivelandosi come un maldestro tentativo di limitare la libertà di espressione anche sul web.

Redazione – 6 Gennaio 2014

Huffington Post: Giornalismo, Stefano Rodotà: “La nuova legge sulla diffamazione è un pericolo per la democrazia”

Pubblicato:
n-STEFANO-RODOT-large570

Attualmente il disegno di legge di riforma delle norme relative alla diffamazione a mezzo stampa è all’esame della II Commissione Giustizia della Camera dei Deputati che si pronuncerà in “sede referente”. Se il ddl sarà approvato dalla Camera senza emendamenti, rispetto al testo pervenuto dal Senato, diventerà legge. Fra i punti cardine del disegno di legge ci sono le norme che riguardano l’eliminazione del carcere per il giornalista autore della diffamazione, e la sua sostituzione con una pena pecuniaria fino a 50 mila euro, come pure l’obbligo di rettifica in 48 ore per le testate online e la possibilità di chiedere la cancellazione dell’articolo considerato diffamatorio.

Huffington Post: #NoDiffamazione. Da Gabanelli e Travaglio a Rodotà, giornalisti e società civile contro la riforma della legge

italy.gif

#NoDiffamazione. Da Gabanelli e Travaglio a Rodotà, giornalisti e società civile contro la riforma della legge
Arturo Di Corinto, L’Huffington Post
Pubblicato: 06/01/2015 19:41

“Doveva essere una riforma della legge sulla stampa che eliminando la pena del carcere per i giornalisti, liberava l’informazione dal rischio di sanzioni sproporzionate, a tutela dei diritti fondamentali di cronaca e di critica: il testo licenziato al Senato rischia di ottenere l’effetto opposto, rivelandosi come un maldestro tentativo di limitare la libertà di espressione anche sul web.”

DDL DIFFAMAZIONE: L’ITER PARLAMENTARE DELLA RIFORMA

Atto Camera: 925-B
Proposta di legge: S. 1119. – COSTA: “Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale, al codice di procedura penale e al codice di procedura civile in materia di diffamazione, di diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di diffusione, di ingiuria e di condanna del querelante nonché di segreto professionale. Ulteriori disposizioni a tutela del soggetto diffamato” (approvata dalla Camera e modificata dal Senato) (925-B)

Attualmente il ddl di riforma è all’esame della II Commissione Giustizia della Camera dei Deputati che si pronuncerà in “sede referente” (vale a dire che, dopo le proprie valutazioni sul testo normativo, trasmetterà il proprio parere alla Camera dei Deputati per l’eventuale approvazione definitiva). Se il ddl di riforma sarà approvato dalla Camera senza emendamenti, rispetto al testo pervenuto dal Senato, diventerà legge.
Secondo fonti parlamentari la legge potrebbe essere approvata, in via definitiva, dopo le feste, nella seconda settimana del Gennaio 2015.

Vai alla scheda dell’iter parlamentare

La legge sulla diffamazione - Corso di formazione OdG Lazio 4/6/15 a Roma: http://bit.ly/1HKKGKl